Primo gorno - angelo

Angelo Garufi
Vai ai contenuti

Menu principale:

Livello 2
Primo giorno

Sembrava che il treno corresse via con un impeto senza tregue ne rallentamenti.
Nel suo impetuoso avanzare bruciava fugaci visioni di campagne e borghi che racchiudevano il loro mille storie per sempre precluse alla sua sete di conoscere, di sapere.
Questi pensieri, ormai soliti e ripetuti, occupavano la mente del signor P. in quel giorno che volgeva pigramente all'oblio. Poche ore, ormai, lo separavano dalle mura amiche e dal calore di volti e parole note. Parole che a volte, quasi timidamente, interrompevano il flusso continuo che la magica scatola emetteva senza soluzione di continuit√†, rendendo l'immagine di un mondo finalmente privo di spigoli e discretamente  irrorato di lustrini e visi perfetti.
Era questa per lui la felicita ?



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu